lunedì 26 settembre 2016

Sliema e St. Julian: solo vita notturna?



Dicono che Malta is more e io sono d’accordissimo con questo. 
L’isola, o meglio l’arcipelago, infatti ha davvero molto da offrire, ma tutta la bellezza, la storia e l’autenticità dei suoi paesaggi si sgretolano una volta arrivati a St. Julian e precisamente a Paceville, centro nevralgico della nightlife.



Se la vostra intenzione è quella di alloggiare a St. Julian per godere del mare e passeggiare tranquillamente la sera, siete nel posto sbagliato!
La “spiaggia”, che si trova nella baia di San Giorgio, nonostante nelle foto in rete appaia dorata e affollata, in realtà è un ammasso di ciottoli che fanno anche male ai piedi, l’acqua del mare è torbida (a differenza di quella cristallina in cui ho nuotato a Comino) al punto che non ho avuto il coraggio di tuffarmi ed è comunque affollatissima (non capisco davvero come sia possibile). 


Se alloggiate qui, prendete i bus verso le spiagge più belle dell’isola, proprio come abbiamo fatto noi. Vi assicuro infatti che Malta può vantare di un mare pulito e di spiagge con la sabbia dorata incastonate in piccoli angoli naturali. Noi abbiamo visto la Golden Bay, facilmente raggiungibile  con il bus 225.  In questa spiaggia vi è la possibilità di affittare lettini e ombrelloni e in più vi è anche un bar dove potete trovare di tutto, dai gelati ai panini imbottiti.


Tornando a St. Julian, non posso quindi che bocciarla per il mare ma promuoverla a pieni voti per quanto riguarda la vita notturna.

Di giorno appare monotona, fatta solo di negozietti di souvenir acchiappa-turisti e insegne dei locali spente. L’unica “attrazione” è una sorta di centro commerciale, Bay Sreet Complex, dove si trova anche l’Hard Rock. Dopo le 23 però la città cambia volto, le strade cominciano a brulicare di gente, i locali cominciano a servire alcolici a volontà, i PR delle discoteche ti invitano alle serate e i neon dei Gentlemen’s club si illuminano di rosso. Non mancano neppure i casino, luoghi paradisiaci per i giocatori d’azzardo, che a differenza dei club e dei locali, sono aperti al pubblico 24h su 24. L’ingresso è riservato ai turisti maggiorenni, i Maltesi invece possono entrare solo se hanno già compiuto 25 anni.


Come mai Paceville è riuscita a diventare il centro della movida attirando migliaia di turisti da ogni parte del mondo tutto l’anno? Semplice: per il prezzo bassissimo dell’alcol, per il clima mite in qualsiasi stagione, per l’ingresso gratuito nella maggior parte delle discoteche.. Pensate che quasi ogni bar espone fuori a caratteri cubitali 60 shot 24 euro!

Mentre nel resto dell’isola la nota araba non passa inosservata dall'architettura alla lingua locale, il maltese (che somiglia tanto all'arabo), a Paceville è evidente nei locali in cui si fuma shisha, nome egiziano del narghilè.

I locali più riservati si trovano fuori dal frastuono di Paceville; io e il mio ragazzo abbiamo scoperto a Triq Ross il Beer Garden, locale davvero tranquillo e con ampia scelta per quanto riguarda le birre belga e le Lord Chambray, le birre artigianali prodotte a Gozo. Anche a Spinola Bay ci sono locali davvero carini, con vista mare spettacolare!


Continuando a costeggiare il lungomare oltre Balluta Bay si arriva a Sliema, luogo movimentato con locali e passeggio, ma sempre più tranquillo rispetto Paceville. Posso consigliarvi una passeggiata al tramonto, quando il cielo si tinge di rosa e diventa tutt'uno con l’acqua del mare nella quale si rispecchia.


A Sliema ho mangiato un’ottima pizza nella pizzeria Vecchia Napoli, l'impasto era davvero fine e croccante, gli ingredienti di buona qualità e i prezzi non troppo eccessivi. A Sliema vi è pure un porto da cui partono i traghetti per le escursioni giornaliere alla scoperta delle bellezze dell’isola.

Ricapitolando:
-se siete giovani venuti a Malta con l’intenzione di vivere serate alcoliche e avventure estive, il tutto assolutamente low cost, St. Julian è il luogo che fa per voi.
-se non amate la vita notturna, cambiate zona a favore di Sliema o di Bugibba (che però non abbiamo visitato, quindi non possiamo raccontarvi la nostra esperienza diretta).



3 commenti:

  1. bellissimo..io sono stata a Malta a 14 anni e purtroppo non ricordo un garnchè..visto il tuo post m sa proprio che è ora di tornare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora è arrivato il momento di ritornarci! Se hai la possibilità ti consiglio verso maggio-giugno, quando le temperature sono ottime per fare il bagno e ancora l'isola non è invasa dai turisti :)

      Elimina
  2. 60 shot 24 euro? Al di là del preZzo bassissimo, poi si aprono le porte del coma etilico XD

    RispondiElimina