domenica 24 luglio 2016

Catania in 10 tappe (parte 2)





Come vi avevo promesso tempo fa, ecco il mio post mensile taggato #OhMySicily, che arriva sempre in ritardo. Vi riporto quindi nella mia adorata Terra, la Sicilia, e precisamente a Catania, la mia città universitaria.


Ho sentito dire che, secondo eDreams, Catania è la destinazione preferita del 2016 e come dargli torto! Qui potete trovare un ottimo mare, un’ottima cucina, un vulcano e tanto barocco! Vi avevo già mostrato una top 10 delle cose da non perdere (qui il link) ma eccone un'altra con tappe più insolite :D

1. Fontana dell'Amenano



Piazza duomo è il centro nevralgico di Catania ed è proprio qui dove si trovano il duomo e la statua dell’elefante, simboli indiscussi di questa città. Ma basta girarsi un po’ attorno per scoprire un’altra chicca di questa piazza: la fontana dell’Amenano.

2. Mercato del pesce



[foto presa dal web]


Alle spalle della fontana vi è uno spaccato di vita quotidiana catanese: il mercato del pesce. Ogni giorno i pescivendoli si riuniscono qui proponendo qualsiasi tipo di pesce fresco a prezzi ragionevoli ed è sempre frequentatissimo. Del resto, non potrebbe essere altrimenti visto che il pesce è uno degli ingredienti principali della dieta mediterranea e noi siciliani ne andiamo matti.


3. Piazza Stesicoro
Salendo da via Etna si riconosce facilmente piazza Stesicoro. A dominarla sono, a sinistra, i resti di un anfiteatro romano e, a destra, la statua del celebre musicista catanese Vincenzo Bellini. In realtà tutta la città pullula di qualcosa in suo ricordo, come ad esempio la Villa Bellini, la casa natale di Bellini e perfino l’aeroporto di Catania porta il suo nome. Da piazza Stesicoro potete scorgere un vasto mercato che si estende verso Piazza Carlo Alberto; è il mercato più vasto del catanese e dai locali viene chiamato fera o luni, perché anticamente veniva allestito solo il lunedì, mentre ai nostri giorni si trova ogni giorno.

4. Teatro Romano
Se a Piazza Stesicoro trovate i resti di un anfiteatro, il teatro romano è invece visitabile in via Vittorio Emanuele, ma questo è a pagamento e decisamente in condizioni migliori.

5. Via Crociferi


Sempre nei pressi di via Vittorio Emanuele e della casa del Bellini, potete girare un angolo segnato dalla statua del cardinale Dusmet e proseguire verso via Crociferi: qui è un concentrato di bellissime chiese barocche, ognuna con la propria particolarità, tutte da vedere e fotografare.

6. Casa di Verga + visitare la terra dei Malavoglia ad Acitrezza


In via sant'Anna trovate la casa del celebre scrittore. È possibile visitarne gli interni in cui troverete anche alcuni dei suoi manoscritti. Per immergervi ancora di più nell'atmosfera dei Malavoglia, vi consiglio di recarvi ad Aci Trezza e vi sentirete proprio all'interno del romanzo. Particolarissimi i faraglioni che secondo la leggenda sono stati lanciati da Polifemo a Ulisse mentre scappava.

7. Monastero dei Benedettini


Il Monastero dei Benedettini è stato costruito intorno al 500 ed è oggi patrimonio UNESCO e sede del dipartimento di scienze umanistiche dell'Università di Catania. Vale certamente una visita guidata e meritano tantissimo i sotterranei. Pensate che in tempi remoti la lava dell'Etna è arrivata fin qui!

8. Porta Garibaldi


Questo arco trionfale è stato costruito nel 1768 e la zona in cui si trova viene chiamata dai catanesi u Futtinu (il fortino) in ricordo del fortino costruito dopo l'eruzione vulcanica del 1669 che annullò le difese medievali. Vi consiglio di passare da qui senza reflex al collo, la zona è poco raccomandabile e bisogna prestare molta attenzione ai borseggiatori (discorso valido in generale, ma soprattutto per quanto riguarda via Vittorio Emanuele e Via Garibaldi, al di là della via Plebiscito).

9. Etnaland


Questo è il parco divertimenti e acquatico più grande della Sicilia e si trova fuori Catania, precisamente a Belpasso. Se amate gli scivoli e le montagne russe, questo è il posto che fa per voi ;)

10. Assaggiare qualche specialità locale



Catania è la patria della rosticceria e su questo non ci piove, ma anche le trattorie sono presenti in ogni angolo della città. Tra i pezzi di rosticceria, imperdibili sono gli arancini, le pizzette, le cartocciate, le mozzarelle in carrozza e tante altre delizie; i prezzi dei pezzi oscillano tra gli 1 e 3 euro, dipende la zona, e avete davvero l'imbarazzo della scelta. In trattoria invece non potete perdervi le gustosissime polpette di carne di cavallo al pistacchio!


Sicuramente vi starete chiedendo dove alloggiare. Il mio consiglio è quello di prendere una camera in qualche B&B nel centro storico, in particolare vi posso consigliare Stesicorea Palace, situato proprio a Piazza Stesicoro! Il B&B è a gestione familiare, il che gli da più valore in quanto i gestori tengono particolarmente a far sentire a proprio agio i clienti. La colazione è a buffet ed è varia e per tutti i gusti.

Voi siete mai stati in Sicilia? Raccontatemi le vostre esperienze!

2 commenti:

  1. io non ci torno da secoli quindi è una delle mete che ho in mente per un bel ponte! appena trovo un volo low cost....
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, se trovi un volo low cost è perfetto! Come città non è nemmeno cara!

      Elimina