giovedì 6 agosto 2015

Alicudi e Filicudi: le isole selvagge





Chiudete gli occhi e immaginate un'isola quasi deserta, con circa 100 abitanti, un unico hotel e un solo alimentari.
Immaginate un'isola che non conosce strade asfaltate, dove non esistono ne macchine ne motori e dove gli unici mezzi di trasporto sono gli asinelli
Immaginate il silenzio assoluto interrotto solo dalle onde del mare che si infrangono contro le rocce vulcaniche.

Non si tratta di un'isola sperduta chissà in quale emisfero e in quale oceano, ma semplicemente di Alicudi, Isole Eolie.

Salina




Vulcano



I pochi abitanti abitano presso il porto, vivono di pesca e di poca agricoltura e conducono una vita abbastanza semplice. Le case sono infatti costruite in parte sulla costa dove si trova il piccolo porto ed altre si trovano lungo un pendio che sale fino in cima; pendio fatto di scale e viottoli in pietra lavica. Alicudi non conosce il turismo di massa ed è perfetta per chi viaggia in cerca del fascino naturale e per chi vuole immergersi in una dimensione di vita ormai altrove perduta






 






L'isola è collegata alle altre tramite aliscafi che partono giornalmente e io l'ho visitata grazie a un'escursione che partiva da Lipari e che comprendeva pure una visita a Filicudi, sua "sorella". Entrambe sono infatti le più anziane dell'arcipelago, nate circa 150.000 anni fa. 

Durante il tragitto via mare è facile rimanere incantati per la particolarità del paesaggio, per le grotte e per gli scogli, tutti rigorosamente di origine vulcanica. Interessante lo Scoglio Giafante, chiamato così perchè ricorda vagamente la zampa di un elefante. Particolare anche lo scoglio La Canna, un faraglione alto 71 metri, il quale, insieme allo scoglio Montenassari e all'isola Filicudi, è stato dichiarato Riserva Naturale orientata. 




Scoglio Giafante

Scoglio della Canna







Grotta del Bue Marino


Filicudi è altrettanto autentica ma più popolata. Gli abitanti sono circa 250 e sono sparsi nei tre principali centri abitati: Filicudi porto, Pecorini a mare e Valle Chiesa. Se siete appassionati di immersioni, sono sicura che non rimarrete delusi.

Se siete in cerca di tranquillità e se avete bisogno di staccare la spina, queste sono le isole che fanno per voi. Piccoli angoli di paradiso a due passi dalla Sicilia







13 commenti:

  1. Eccomi!!
    Eh, si... Mi sa che anche io passerò spesso a trovarti.
    Questo racconto è bellissimo. Hai reso perfettamente l'idea di questa meravigliosa isola.
    Non sai quanto desidererei essere la, ora.

    un bacio e a presto!!!!
    Enza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :D anche io vorrei essere lì subitooo!! a presto :*

      Elimina
  2. Queste sono le isole che amo... semplici, selvagge e con un mare cristallino. Grazie per aver condiviso il tuo racconto :-) !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io le ho amate tanto! perfette per distaccarsi dal mondo anche se solo una giornata! :)

      Elimina
  3. Che belle le isole Eolie, prima o poi vorrei vederle tutte! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono davvero belleee!! Da vedere sono anche le Isole Egadi :D

      Elimina
  4. Qualche anno fa sono stata a Ustica e questo post mi ha riportata dritta a quei giorni, queste isole si somigliano in tante cose - siciliane, poco popolate, immersioni, paesaggi mozzafiato, pochi mezzi in giro. Alicudi forse è un pò meno popolata di Ustica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non sono mai stata a Ustica nonostante la vicinanza! Mi mancano ancora tantissime isolette siciliane da vedere! :)

      Elimina
    2. A chi lo dici! Io ho visto solo lei e me ne sono innamorata!

      Elimina
  5. wow che meraviglia!! questo si che è mare!! ottime foto complimenti :)

    RispondiElimina
  6. Il sogno delle Eolie continua *^*
    Splendido :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i paesaggi naturali tolgono sempre il fiato :D

      Elimina