mercoledì 29 aprile 2015

La Barcellona di Gaudì: Parc Guell





Quando ho prenotato il mio viaggio per Barcellona fremevo dalla voglia di partire soprattutto per osservare dal vivo lo splendore delle opere di Gaudì sparse per la città. 

Il giorno dopo al mio arrivo, approfittando del ciel sereno, mi sono precipitata subito a Parc Guell. Per arrivare ho scelto di prendere il bus 24 da Plaça de Catalunya che lascia direttamente proprio all'ingresso del parco. In alternativa potete usufruire della metro, linea verde L3, fermata "Lesseps" o "Vallcarca", sconsigliata a mio parere perchè poi c'è una salita abbastanza ripida da fare a piedi.

Come sapete, da un annetto l'ingresso alla Zona Monumental del parco è a pagamento e di soli 8 euro, ma se si vuole visitare anche la casa-museo Gaudì, nella quale il maestro visse e lavorò per tanti anni, vi è un costo aggiuntivo.



La zona monumentale è un grande museo a cielo aperto e rispecchia la geniale creatività dell'architetto Antoni Gaudì; quest'ultimo infatti fu incaricato dal facoltoso industriale Eusebi Guell di progettare un insediamento abitativo perfettamente armonizzato con la natura circostante.. il progetto fu ridimensionato a un parco aperto al pubblico negli anni 20 del XX secolo.

Dall'ingresso principale noterete subito le due "casette" che in realtà furono concepite come reception per ricevere i visitatori con un'ampia sala di attesa. Il rivestimento delle case è molto originale.. il trencadìs infatti è un sistema decorativo molto apprezzato da Gaudì, che consiste nel ricoprire le superfici con piccoli frammenti di ceramica, spesso provenienti da materiali di demolizione e oggetti in disuso.




Ai vostri occhi apparirà subito la scala monumentale, ricchissima di particolari (tra cui la salamandra) che vi condurrà alla Sala Ipostila, uno spazio coperto da 86 colonne che sorreggono un tetto molto particolare formato da piccole cupole costruite con la tecnica della volta catalana. 










Salendo le scale si arriva alla celeberrima Piazza della Natura. Impossibile non rimanere affascinati dall'immensa panchina ricoperta anch'essa di mosaici dove le forme e i colori si intrecciano.







Una porta conduce ai giardini dell'antica masseria, la Casa Larrard. Sono disposti vari contrafforti, uno dei quali rappresenta una grezza cariatide conosciuta come La Lavandaia, poichè mostra una donna con gli attrezzi del mestiere. Il Portico della Lavandaia termina in una rampa a spirale con una struttura molto elegante.. ancora una volta Gaudì ha saputo giocare con le forme creando un dialogo armonioso tra la natura e l'architettura.














10 commenti:

  1. Io quando ho saputo del mio viaggio a Barcellona e mi sono informata, questo è stato il posto che volevo ASSOLUTAMENTE visitare! Mi è piaciuto moltissimo *-*

    RispondiElimina
  2. Proprio per il costo del biglietto noi abbiamo deciso di non entrare. Bello leggerti e vedere le foto :-) ! Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente! Il blog é nato proprio per condividere tutto con voi :-)

      Elimina
  3. Mi è piaciuta tanto!! Anche se la zona che ho preferito è stato il giardino, dopo la terrazza..meno invaso dai turisti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando sono andata io é stato al contrario invece! Nei biglietti c' era l orario quindi eravamo tutti nella zona libera affollata ad aspettare che potessimo entrare nella zona monumentale XD

      Elimina
  4. Mi piace molto Gaudì, è davvero particolarissimo, però ammetto di non amare le "zone turisti" nelle città e purtroppo, il parco Guell è diventato una di queste. E anche se a ragione, non riesco a pensare di immergermi nella massa di turisti, perché quando vado in una città nuova mi piace fare finta di essere del posto. Però, lo ammetto, Gaudì merita anche in mezzo ai turisti :'D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh purtroppo (o per fortuna) le opere di Gaudì sono inondate di turisti.. ma effettivamente non si può farne a meno! impossibile andare a Barcellona e non imbattersi nella sua bellissima architettura :)

      Elimina
  5. Adoro l'arte di Gaudì :) Barcellona deve moltissimo alla sua creatività :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza Gaudì avrebbe perso davvero tanta bellezza e originalità.. le sue esplosioni di forme e colori sono eccezionali!

      Elimina